9 Mag 14

canonizzazione-papi

Un sonetto meno polemico del solito, quello che oggi Mario Rendina dedica alla canonizzazione dei due papi, avvenuta la scorsa settimana. Non mancano però né l’ironia romanesca, né i riferimenti politici e letterali.

QUATTRO PAPI QUATTRO

Pe’ l’occasione de sti quattro papi,
due che so’ già morti in santa pace
e due che invece fúngeno da capi,
uno che sta lì lì, l’altro vivace,
e che s’encontrano come vecchi amici,
se spera ponno fà li mejo offici
per monno che ad amà nun è capace.

È ‘n gruppetto de papi un po’ diverzo
da quello ch’er Poeta ritrovò,
all’inferno ‘ncarcati pe’ l’inverzo,
in Bonifacio, Clemente e Niccolò.

Quanno la Chiesa se stacca dal teréno
e penza solo a lo spirito che chiama
finisce er malo effetto der veleno.
Nun ce sta ‘n Putin nun ce sta ‘n Obama
che possa mette tanto core e freno.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento