2 Mag 14

FecondazioneAssistita

Mario Rendina ironizza splendidamente sugli ultimi, pur tragici, fatti di cronaca ospedaliera, che coinvolgono errori inerenti la fecondazione assistita: un giovane ha mosso causa contro l’ospedale che ne aveva analizzato il DNA attribuendogli una paternità che si è rivelata errata, mentre a Roma una donna, sottoposta a trattamenti di maternità assistita, attende due gemelli che, si è scoperto, appartengono geneticamente ad un’altra coppia.

Non perdetevi questa pasquinata geniale e divertentissima.

INSEMINAZZIONE SUPERFICIALE

Un regazzetto er padre nun ce l’ha
Je l’avevano trovato co’ tre ore
sfruguliando là dentro er dienneà
Ma poi s’è visto che c’era ‘n dottore
che nun sapeva come s’ha da fà.

‘Na donna poi c’ha du’ gemelli in panza
che a la mamma bbona nun li dà
pure s’er frutto de la gravidanza
è ‘n seme che co’ lei nun ce vò sta.

‘Na vòrta se faceva, o brutto o bello,
d’estate, primavera, autunno e inverno
usando lo strumento der pisello
der quale ringrazziamo er Padreterno.

Si cor marito poi nun funzionava,
fusse a Nujorche oppure a Budapest,
a ‘n’antro modo ce se conzolava,
ché tanto “mater semper certa est”.

Mo’ ‘nvece tra l’intruji de provette
Nun sai chi te lo leva o te lo mette.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


1 commento

  • Daniele says:

    J’aveva dato er nome ar fijoletto
    lo stesso de su’ nonno Romoletto.
    Ma quanno poi, guardando li capelli,
    nun ereno eguali manco quelli,
    ‘sarà, diceva er gran professorone,
    che s’è alternata la generazione,
    sarà che quarche bacucco d’antenato,
    coi capelli che c’aveva, pareva ossigenato’.
    A professo’! Ma me cojoni te co’ st’alternanza?
    Aripja subbito le chiavi della stanza
    e vedi si te manca na provetta,
    quella presa dar vichingo ‘nnamorato
    che a Roma tra li Fori e ‘n sarto ar Pincio,
    l’aveva fatto lì, giusto de sguincio,
    de lassà du semi pe’ ricordo,
    è mejo che la lingua mo’ me mordo.
    Guarda si ritrovi ar buio la fialetta,
    quella giusta lassata pe’ Rosetta
    da Giggi er bullo d’a piazzetta,
    visto ormai che la moda ce permette
    d’anna’ giranno co’ le brache strette,
    perché a vvorte la testa sopra ce lavora:
    chissà sto coso a cosa serve ancora?



Lascia un commento