11 Apr 14

spese-pazze

Sulle spese degli enti locali messe in conto alla collettività, Mario Rendina scrive questi versi amari e spiritosi allo stesso tempo. Dopo l’elenco delle infinite spese gastronomiche, la conclusione è dedicata all’acquisto di volumi dal titolo evocatorio, da parte di consiglieri della Regione Lombardia.

VIVA LA DEMOCRAZZIA

I consijeri de la Lombardia
ne l’urtimi tre anni e poco più
hanno fatto a gara a buttà via
tanti sòrdi che a guadambialli tu
manco si chiedi a la vergine Maria

pe’ tutti l’anni passati a stà quaggiù.
Robba che fa venì la rosolia
solo a penzà che poi devi magnalla:
nutella, provolone, merendine,
briosce e sarsicciotti de Guastalla

Spumanti de le più mejo cantine,
susci, caviale e coppe de gelato,
ciocchi de manzo con e senza l’osso
porco ar barolo bello rosolato
E aragoste giù a più non posso.

Ma su tutto spicca un ber manuale
comprato da chi come la Minetti
ce se ritrova in modo abbituale
perché je spiega bbene li concetti.

Dico er vero nun dico ‘na bucia
È ‘n manuale de Mignottocrazia.

Ma come è bella la democrazzia!


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento