19 Apr 14

tagli-enti-pubblici2

Mario Rendina scrive queste rime sulla questione “enti inutili”. E così commenta i suoi stessi versi: gli enti inutili non si estirpano uno alla volta, rinasce sempre il clone.

TUTTI A BOLLÌ

La prima legge pe’ tojeli de mezzo
è più vecchia de oltre sessant’anni
Ma si annamo a vede er dato grezzo
er nummero è lo stesso senza danni.

Ché si ‘na cosa levo e ‘n’antra metto
er totale rimane sempre uguale
È come la reazzione der riggetto
Si er microbo se sente visto male
te sarta addosso e spara cor grilletto.

Così appena er Governo fa ‘n proggetto
de toje ‘n ente inutile dar mazzo
subbito n’esce ‘n antro dar cassetto
E tutto quanno ‘n è servito a ‘n cazzo.

Mo’ Renzi vo’ fà come Calleroli
e ammazzà l’enti co’ la ghijottina
Uno a la vòrta come li ravioli
O uno ‘n fila all’antro a pecorina.

Pe’ me so’ da bollì com’i facióli
Con pízzico de nitroglicerina.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento