7 Apr 14

secessionisti

Dopo la pagliacciata con tanto di trattore-carroarmato in piazza San Marco, per rivendicare un Veneto indipendente, Mario Rendina fa parlare Pasquino con questi versi, che prima tirano in ballo un  amaro paragone tra Lega Santa e Lega Nord e poi concludono con una stilettata polemica.

LA SECESSIONE DE VENEZZIA

Quanno Venezzia era marinara
e p’er lontano oriente navigava
co’ quell’artre città faceva a gara
a chi de loro prima c’arivava.

‘Na città-stato propio indipendente
d’economia, politica e curtura
Che volenno restà sempre vincente
co’ fama de successo e duratura

decise de formà la Lega Santa
ch’a li turchi levò l’abbronzatura.
Mo’ che de storia n’è passata tanta
l’unica Lega è ‘na caricatura

che dice de staccasse a tutte l’ore.
E pe’ fallo se monta ‘n’ armatura
ch’a naso sembra assomijà a ‘n trattore.

O, come dícheno certe malelinque,
pò esse pure ‘n effetrentacinque.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento