28 Apr 14

spinoza

Dopo la doppia santificazione dei due papi, Pasquino non poteva non raccontarci l’evento che ha fermato Roma per un giorno, visto dal suo punto di vista. A far parlare la statua è Francesco Di Stefano, con un sonetto romanesco che fa da “cronaca” della giornata.

FESTE DE PAESE

De casi un po’ curiosi ne so’ tanti
ma quello che me pare propio strano
è che de botto inzieme fanno santi
du’ Papi da du’ Papi in Vaticano.

La gente freme a vive certi istanti
perché dar tempo indietro più lontano
nun s’è mai vista uguale situazzione
e nun ciavrà in futuro antra occasione.

Me figuro la piazza che trabbocca
cor campanone forte ch’arintocca
e chi nun è presente de perzona

se la gòde in tivvù da na portrona.
Passeno l’anni ma però so’ quelli
fra n’Ave, un Gloria, canti e sonarelli

nun ostante er progresso e nove imprese
se pò finì come diceva er Belli:
“Che gran belle funzione a sto Paese!”


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento