23 Apr 14

bersani_pierluigi

Prendendo spunto dall’intervista di Mentana a Bersani, Impiccetta parla del PD di Renzi, che sembra avere imparato tante lezioni dall’agire del Caimano. La lunga pasquinata le passa in rassegna tutte, dal culto della persona, alle azioni contro i sindacati e gli avversari di partito.

CHI S’ARIVEDE…

Quanno che te vedemo
Bersani su lo schermo
co Chicco, già sapemo
che mo je serve l’ermo,
la spada, la corazza
e puro la ramazza…

Partito Renzinato?
Nissuno più se sente
parlà: fiato sprecato,
pe via che come gnente,
te strilla che veloce
serve ‘na sola voce…

La Voce der Padrone
l’avemo già sentita
ar tempo der Puzzone,
eppoi – mejo vestita –
infilata ner piano
de Gelli, der Caimano.

Er solo movimento
de chi je sta vicino
è d’esse sempre pronto
a faje ‘n bell’inchino,
pe dije puro che
è mejo si LUI c’è.

Capita la lezzione
da paggio der più peggio,
a la Costituzzione
je fa più d’uno sfreggio:
co Verdini studiata,
ecco l’antra porcata.

Spacca quer Sinnacato
pe contentà Marchionne,
Prodi l’à sistemato
framezzo du’ Madonne,
e la curtura, l’arte,
le vo’ mette da parte.

Nun parla d’evasione,
de mafia, trattativa,
vole smorzà l’azzione
de ‘na Procura viva
che scopre li misteri,
puro quelli de ieri.

Guardamento da lenza
de ‘na vecchia balena,
nun pole mo’ sta senza
rifà la canofiena,
pe via che – come se sa –
vole tutti cojonà…


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento