13 Mar 14

franceschini

Prendendo spunto dal malore subito recentemente da Dario Franceschini, Mario Rendina passa in rassegna le sfortunate vicende che il neo ministro dei Beni Culturali ha passato dal giorno del suo insediamento: dai crolli a Pompei al David di Michelangelo usato impropriamente per campagne pubblicitarie.

STI MINISTRI CE METTONO ER CORE

Pe’ Franceschini è cominciata male
da quanno è nominato ar ministero
ch’è tanto figo perché è curturale.
Súbbito viè a sapè, nun è mistero,

Che jè cascato un muro lì a Pompei
Er solito muretto che s’aspetta
D’esse sarvato coi fónni europei.
Appresso jè franata ‘na spalletta

de la cinta de mura de Vortèra.
Ma la cosa che mo’ sona sospetta
È de vedè er Davídde che rinsèra
Tra le braccia ‘n fucile a baionetta

E lui pensanno che l’idea l’avuta
‘a collega intennente fiorentina,
a Portanova mentre che cammina,
‘na sindrome ner côr je viene acuta.

Ma la risposta che je da er dottore
È che i ministri, se sa, ce danno er core.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento