15 Mar 14

Marino

Con versi curiosi e divertenti, Mario Rendina ci parla della reazione “scomposta” di Marino alla notizia del taglio del decreto Salva Roma: per farlo parte dai Vandali e da Papa Leone I, per narrare la resistenza di Roma agli invasori venuti dal nord.

SARVA ROMA?

Ne l’anno circa der quattro e cinquanta
Quanno li vandali vònno calà a Roma
Leone Primo fa vedè er diploma
De Papa Magno e subbito je canta

Che chi s’azzarda a mette solo ‘n piede
Dentro le mura de la Città Santa
Er giorno appresso certo nun lo vede!
Mo’ invece c’è Marino che s’encanta

de fronte a chi venendo giù dar Norde,
de l’estra buffo de quattro e cinquanta
chiede ‘na spiegazzione e nun demorde

Nun sa trovà nisuna soluzzione
E s’er barbaro lo vò mette a le corde
De Roma chiede l’autodistruzzione.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento