3 Mar 14

marino_renzi

Con degli azzeccatissimi e piccanti versi romaneschi, Er Versacciere riassume la storia del battibecco tra il sindaco di Roma e Renzi, circa l’abolizione dei fondi a Roma Capitale. E nel farlo, mette insieme politica nazionale e trame da palazzo romano.

ROMA SCAPOCCIATA

Appresso li du’ strilli de Marino
pe sarvà da li buffi Roma bella,
Renzi – ‘sto berluschiota fiorentino –
pare che guasi guasi se sbudella
pe sgancià ‘sto pochetto de quatrini…
Nun è che l’à chiamato sor Casini?

Da quanno che l’ACEA nun je la molla
ar su’ socero (sì, Caltaggirone)
a Marino la sedia je barcolla
e “La Bucia” je spara cor cannone,
ma puro ner su’ fu-granne-Partito
quarcuno fa: “Ma s’è rincojonito?”

Doppo che cianno vinto l’elezzioni
co ‘sto chirurgo da l’armadi voti,
vonno deggià scassaje li cojoni
co que li quattro là, farsi divoti,
pe fa morì la Roma Capitale
co l’inciucio de marca nazzionale.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento