22 Mar 14

angelino_alfano

Con una metafora dal sapore antico, che parla di bariletti di vino, Mario Rendina riassume la posizione di Alfano sul tema del cuneo fiscale.

ER BARILETTO VÒTO

Me ricordo quann’ero regazzetto
e facevamo ‘n po’ de vino nostro
Che ‘na parte importante der progetto
(e nun ce serve che te lo dimostro)

Era de mette er vino in bariletto.
Davanti c’era ‘n bucio co’ ‘na canna
da ‘ndo’ ce se poteva fà ‘n goccetto
(poco, si no valeva ‘na condanna).

Quanno er vino (mannaggia!) era finito
ar posto de la canna s’enfilava
‘n cugno duro de legno appuntito
E in cantina più nun ce s’entrava.

Mo’ ce sta Arfano che ar cugno fiscale
pare che je vò dà ‘na botta forte
Er fatto è che so’ troppe le vòrte
Ch’ar bariletto avemo fatto male.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento