29 Mar 14

05-renzi-carrai

Mario Rendina riassume una vicenda pubblicata dal quotidiano Libero, secondo il quale Renzi abitava in un attico messo a disposizione da un suo amico imprenditore, al quale probabilmente ricambiava favori. In questo modo, come pare abbia fatto la canonista Idem – e non solo lei -, ha lasciato a carico dello Stato i contributi successivamente dovuti.

CASA E PENZIONE

E pure Renzi c’aveva ‘na casa
De quelle possedute “a la Scajola”
Era d’aria, de luce e sole invasa
Peccato che però era una sola

Che senza dì nemmanco ‘na parola
l’amico suo Carrai – mica a Mombasa,
ché lì sarebbe stata ‘na gran sòla –
j’ha dato invece qui e su essa basa
‘no scambio de favori a cariola.

E pure Renzi c’avrà ‘na penzione
Coi sòrdi de noiantri, giustamente
Prima de presentasse a l’elezione
l’hanno pe’ caso promosso diriggente
Che manco er candidato più cojone
Così de contributi paga gnente.

È ‘n trucco messo su da Josefà
Che de remá a canoa ne sa parecchio.
Ogni politico sa come se fa
É ‘n trucco da pischelli. ‘N trucco vecchio.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento