15 Feb 14

maro-india-kerala

Francesco Di Stefano riassume con questi versi romaneschi la brutta figura della politica estera italiana, a seguito dell’infinita vicenda dei marò trattenuti in India.

ORGOJO NAZZIONALE

Se sa che s’attaccamo sempre ar cazzo
varcati li confini d’Arpi e mari
semo ‘n Paese propio da strapazzo
da due de coppa si regna denari.

Ma poi guardanno drento der Palazzo
è come annà de notte senza fari:
fra ‘n furto, na furbata e n’intrallazzo
se fanno sotto sotto grossi affari.

Coll’India che ce ride e ce cojona
Scajola se la canta e se la sona.
Co Mastropasqua a fa’ tutto der santo

sta zitto ogni Governo ch’è n’incanto.
Coll’operai de fora a li cancelli
de córza scappa la famija Agnelli.

Però pe verità ciavemo a vanto
che Renzi pija ar Pidduista in mano
così è’contento quer Napolitano.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento