5 Feb 14

fiat-chrysler-marchionne

Sul tema della neonata fusione tra FIAT e Chrysler è anche oggi il romanesco di Mario Rendina a far parlare Pasquino. Ancora una volta, un perfetto riassunto degli ultimi anni di trattative, con un occhio ironico e divertente alle dinamiche del mercato moderno, che hanno spinto Marchionne alla scelta di spostare all’estero le sedi della nuova società.

ME SPOSTO QUA E LÀ

E sì che ce voleva Marchionni
A smove sto gruppetto de famijia
divide Casa Madre da la Fija
risvejiá l’operai da li sonni.

Che cazzo ce stai a fà mo’ lì a Torino
Cor monno che se sposta ormai sur webbe
A ricordasse de Capodechino
che nacque male e male pure crebbe.

Arzete e cori là oltre le onde.
Cori nun restà qui, nun esse tonto.
Cori nun restà qui, nun te confonde.
Ecco che sei arivato: stai a Toronto!

Mo’ sì che se po’ venne a tutto spiano
Mo’ sì che lo sapemo a venne a chi
Mo’ sì che tutto er buffo ripianamo
vennenno a tutti quanti cherochì.

Allora su: Un po’ de tasse damme!
Ma che so matto? Annamo a Rotterdamme!


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


1 commento

  • Francesco Di Stefano says:

    Dopo tanti aiuti di Stato, la famiglia Agnelli scappa. Nessun Goiverno si indigna. Nessuna opposizione reclama. Tutto passa sotto silenzio. Meno male che ci pensa mario rendina a ricordarcelo. A tutti



Leave a Comment for Francesco Di Stefano