13 Feb 14

reliquie-papa

Dopo la pasquinata di stamattina, rimaniamo in tema “ecclesiastico”, pubblicando i versi romaneschi di Mario Rendina: una splendida considerazione sul tema delle reliquie, a pochi giorni dal ritrovamento di quelle di Papa Giovanni Paolo II, trafugate pochi giorni prima da una chiesetta sul Gran Sasso.

LE RELIQUIE

La costola de Santa Caterina
E quella se San Biagio a Carosina
Er dente de Apollonia in Portogallo
De Niccolò la testa su a Sangallo
fanno tra loro ‘na bella quaterna
co’ la falange de Rocco qui a Cisterna.
È pure, senza trucco e senza imbrojo,
de Sant’Agata l’orma su lo scojo.
Mentre la piuma dell’Angelo Michele,
senza pijà l’aereo e niente vele,
è atterata moscia e senza fretta
dentr’a ‘na chiesa de Cartanissetta.

Pantaleone martire è a Lanciano
Je staccòrno la testa non la mano
L’ulivo poi j’uscì dar corpo accanto
e fu pe’ questo che fu fatto santo.
De Prospero li resti a Centuripe
(la capoccia, ‘na gamba e ‘n avambraccio)
se li guardi te fanno cipe-cipe
e tu che j’arisponni: “E mo’ che faccio?”

‘Na reliquia che vale oltre er miliardo
che se vede a Trenzano in quer de Brescia
è ‘na falange staccata a San Gottardo
de notte, ‘ncappucciati e de gran prescia.

In mezzo a tutto quanto sto reliquiaro
c’è ‘n pezzo ch’è davvero tanto raro,
d’en papa che parea senz’avversari
e ‘nvece se beccó tre quattro spari.
Li resti de la vesta ‘nsanguinata
staveno dentro ‘na teca sistemata
bbona bbona e senza troppo chiasso
a ‘na chiesetta sotto der Gran Sasso,
protetta da li topi in poco spazzio.
Vacce a penzà che quarche sciagurato
de la reliquia avrebbe fatto strazzio
E solo ‘n rimasujo ritrovato.
Mettemose de buzzo a fà la fila
pe’ ritrovà er resto de Voitila.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento