4 Feb 14

scajola

Anche oggi proponiamo un’ottima pasquinata romanesca di Mario Rendina. Il tema è l’assoluzione per Scajola nell’ambito dell’inchiesta sulla famosa casa al Colosseo, pagata da terzi “a sua insaputa”. Tutta la vicenda è qui riassunta con toni decisamente ironici.

LA CASA AR COLOSSEO

Na casa che s’affaccia ar Colosseo
se sa che vale poco o forse gnente
coi gatti che te fanno er marameo
E poi er via vai continuo de la gente.
Così nze po’ ncolpà ‘n poro ministro
che tira fori seicento bijettoni
inclusa puro l’imposta de registro
Pe comprà ‘n accozzaja de mattoni.
Quarcuno che ‘n capisce propio gnente
S’è invece ‘ncaponito a giudicallo
Pensanno che giustizia è solamente
Se ‘n innocente viene preso in fallo.
Ma doppo quattro anni dar frangente
S’è ormai risolto a perfezione er giallo:
La casa er poro cristo sí l’avuta
Ma tutto quanto è stato a sua’nsaputa.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


2 Comments



Lascia un commento