3 Feb 14

antonio-mastrapasqua

Esordisce oggi su questa bacheca virtuale del Pasquino la firma di Mario Rendina, che ci manda versi romaneschi assolutamente geniali sul caso Mastrapasqua e sul suo inverosimile accumular di cariche (statali e non). Una pasquinata tutta da gustare!

GUARDANNOSE A LO SPECCHIO

Du’ occhietti che te guardano pungenti
comme pe’ dì: Anvedi, si sei furbo!
Vorresti forse sommà l’emolumenti
che qua e là m’entasco come ‘n turbo?
Basta che prenni le mille portrone
‘ndo’ poggio er culo da mattina e sera.
So’ tutte belle, sì! So’ tutte bbone!
So’ tutte ricoperte a pelle vera.
Ognuna che me rende ‘n ber gettone,
a la faccia de chi lavora a schiera!
All’Inpese c’annai pe’ fa carriera
Ma prima d’esse fatto Presidente
passai pe’ ‘na catena ospedaliera
pe faje ‘ncassà sòrdi a nun fa’ gnente.
La fama se disperze a più non posso
E da quer giorno so’ onnipresente:
Equitalia, Almaviva, o tal Nomosso
Eure, Fintecna, er Coni onnipotente
Er Centro Sanità spolpato all’osso.
‘N te guardà più: Ché come goccia d’acqua
me sembra che somiji a Mastrapasqua!


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


1 commento



Lascia un commento