18 Feb 14

sochi_2014_argento_innerhofer

Mario Rendina compone una pasquinata sui Giochi Olimpici di Sochi, sospesa tra sport e politica: fa notare come Letta sia stato tra i pochi politici stranieri a non aver avuto imbarazzo a presentarsi alla cerimonia d’inaugurazione; e come una delle prime medaglie italiane… sembri dire molto sullo stato del Paese.

ER PRIMATO

Ce semo presentati lì a li giochi
in testa a tutti er nostro premier Letta
Altri nun ce so’ annati fino a Sochi
credenno de sta’ a fa’ giusta vendetta.

J’ha detto ‘n faccia a Putin: “C’ariochi
cor fatto che li gay, e qui te sbaji,
so’ diversi da noi e nun so’ pochi?
Si nun me senti faccio armi e bagaji
e prima d’annà via spengo li fochi!”

Mo’ er fatto che Innerhófere t’ha vinto
‘na medajia in libera discesa
me porta a pensà quasi per istinto
che tutto er monno se sarà convinto
che semo forti sì, ma pe’ la scesa!


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento