12 Feb 14

casini-su-decadenza-berlusconi

Francesco Di Stefano ci scrive ancora, mandandoci versi romaneschi che riassumono la storia delle alleanze del centrodestra negli ultimi vent’anni, per commentare il riavvicinamento di Casini a Berlusconi nei gironi passati.

ER PEGGIO NUN FINISCE MAI

C’era na vorta, ner tempo che fu,
che Bossi strillava: “Inzieme mai più!
Co Nano e fascisti vojo tajà!
Qui ve lo giura chi duro ce l’ha!”

Infatti diecianni uniti se so’
che quasi er Paese nun sprofonnò.
L’eco ar Padano un giorno je fa
Casini che nero s’ode sbottà:

“Quer Pidduista nun penza che a sé!
Io nun ce bevo nemmanco un caffè!”
Adesso con zarto de qualità

la mano ar padrone torna a leccà.
Nun è mica questo er peggio però
ché dice la gente: “Li voterò!”

Oppuro all’inferno annamo a finì
sin Grillo Buffone, ricco così,
nun sale sur trono a facce fallì.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento