10 Feb 14

maltempo-roma

Mario Rendina fa parlare ancora il Pasquino, con questi versi romaneschi di stampo “meteorologico”: una constatazione amara di ciò che è accaduto a Roma dopo il maltempo dei giorni passati.

ER GIORDANO

Ammazza come l’aqqua viene giù
Diceva un ritornello risaputo.
Nun è diverso dar tempo che fu
Nun è ch’er monno mo’ ha più bevuto.
Si piove o fa la neve a Roma ‘nvece
ariva subbito er sinnaco che dice
che ‘na cosa così nun s’era vista
da li tempi lontani der Battista
Quanno se sa che ‘n giorno a tutto spiano
s’arimmischiorno Tevere e Giordano!

Sará così! Ma nun so’ tant’anni
che doppo l’aqqua se doveva annà
a raccoje, mannaggia, quattro panni
che ‘n s’era fatto ‘n tempo a rincasà.

Mo’ ‘nvece stai sicuro nun t’entenganni
si doppo l’aqqua vai a contà i danni.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri


2 Comments

  • Francesco Di Stefano says:

    Non è purtroppo soltanto Roma a cadere a pezzi, ma tutto il Bel Paese cede. Non solo materialmente. Forse il disastro materiale è lo specchio di quello morale. Il triste è che, a pensarci bene e fino in fondo, chi nel suo piccolo e chi nel suo grande, tutti siamo responsabili

  • stefy says:

    È vero, tutto cade, la speranza rimane, speriamo solo che non cada anche quella.



Lascia un commento