14 Feb 14

electrolux_640

Come stamattina, anche con la pasquinata di oggi pomeriggio, firmata da Francesco Di Stefano, rimaniamo sul tema del futuro delle aziende con sede in Italia: qui si ironizza amaramente sulla storia della Electrolux, “gioco de ricatti e liscebbussi”.

A LISCEBBUSSI

Sta legge te l’impone er Kapitale
perciò me sembra propio ch’è normale
che si na ditta perde convegnenza
trasloca verzo n’antra residenza.

Nissuno te fa sconti né regali
quanno ce so’ le murtinazzionali:
o magni que lo schifo de minestra
oppuro zompi giù da la finestra.

È ‘n gioco de ricatti e liscebussi
‘ndo’ solo chi cià sòrdi te fa scacco.
Così pe quella ch’era la Zanussi

la nova proprietà mo t’arza er tacco
si l’operajo inziste ne li lussi
e nun accetta paga da polacco.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento