13 Nov 13

teatro-valle-occupato

Anche oggi è il romanesco a farla da padrone sulla bacheca di Pasquino. Pasquinotto omaggia di nuovo l’esperienza del Teatro Valle occupato, terrore di poteri incancreniti nel Paese, spaventati dalla potenza di una cultura libera.

QUANNO CHE SE VALLEGGIA

Ar Valle, ch’ è ‘na reggia
der granne sor Ciarvello
‘ndove che nun passeggia
er fascista, l’ombrello,
– cor potere bacato –
l’avemo spalancato…

Li beni so’ communi?
Ma l’arte, la curtura,
accenneno li lumi,
fanno penzà… Pavura
granne, pe “lorsignori”:
“In galera, l’attori!”

Appresso l’Alemanno,
Gasparri, Gasperini,
mo’ ciarisemo? Fanno
du’ strilli, mo’, Casini,
quelli der Messaggero,
der Tempo, quarche nero…

L’attacchi, se capisce,
li fanno – concrusione –
‘ste quattro, cinque bisce,
contro la Fonnazzione,
ma noi restamo qua,
co Mattei, co Rodotà.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento