12 Nov 13

Napolitano Angered By Steinbrueck Comment

Una nuova firma arricchisce la bacheca di Pasquino: quella di Impiccetta, che esordisce con questa pasquinata in romanesco circa la storia della deposizione scritta di Napolitano per il processo sulla trattativa Stato-mafia. L’ironia dei due versi finali è tagliente e azzeccata.

GRANNEZZE

Stamatina – mammamia –
stava re Napolitano
puro in Cancelleria,
cor messale tra le mano,
e penzava: “S’ariesco,
so’ TRIPAPA, co Francesco!”
PORTRONISTE


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento