22 Feb 13

vignetta-Altan

Questa pasquinata in puro romanesco ci viene presentata da una nuova firma, Daniele Persio. Più che una classica pasquinata è una storiella in versi dal sapore amaro e divertente allo stesso tempo, assai azzeccata in un periodo di crisi come questo. Non perdetevela!

LA CURA DII BAIOCCHI

‘Na matina un pòro disgraziato
Che s’arinturcinava dar dolore
S’è messo quattro stracci e poi è annato
A fasse da no sguardo dar dottore

“Dottore mio come me sento male!”
Je disse l’omo in due sopra ar lettino
“’Na fitta qua me scenne e poi arisale
E come me sta a dòle l’intestino”

“ ‘Na fitta che je scenne e j’arisale”
Pensò er dottore quanno l’ha guardato
“ Ma senta ’n pò ma ‘n è che lei sta male
Pe un “nun se sa che” che s’è magnato!?”

“No no, dottò se sa quello ch’ ho magnato,
pe primo na bella teja d’aria ar forno
‘na fetta e mezza de pane quasi annato
e n’attrippata d’acqua pe contorno”

“E com’è casa sua me stia a sentì
C’è luce, centra l’aria quanno è giorno?”
“Ma de che dottore mio è da morì
Cià er muschio che je cresce intorno intorno!”

“Allora è chiaro” esordì er dottore
“E’ grave dottò? E’ un male raro?”

“C’è chi l’aricconta e chi ce more,
ma po’ venì a tutti amico caro”

“Ma c’è dottò na cura pe sta cosa
O me pia ‘n corpo e ‘n chiudo manco l’occhi?”

“Pe stacce c’è, ma guardi è carestosa
La chiameno la cura dii baiocchi”

“E in che consiste dottò sta meravija?”
“Ner fatto che chi più c’ha più se ne pija
Che co li sòrdi tutti i giorni becca
E pe tutti l’artri la Commare Secca”


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento