24 Gen 13

Carnevale-romano

I versi romaneschi di Pasquinotto ci portano come sempre alla cronaca capitolina. La pasquinata nasce dall’iniziativa del Comune di “fare sue” le celebrazioni del Carnevale romano, quando perfino il Papa-re lasciava al popolo la libera scelta sul come divertirsi.

ER CARNEVALE

Puro cor Papa-re
Roma s’addivertì:
mo, l’AleDanno tiè
la voja de stupì,
alora snatura
tutto, fa pavura.
SFILATE FASCISTE,
ROMA SE FA TRISTE


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento