12 Dic 12

Contrasto usa questi versi romaneschi per parlare del numero – recentemente emerso – dei precari assunti dalla pubblica amministrazione: cifre che fanno capire come la prima azienda a sfruttare i lavoratori sia lo Stato stesso.

SETE TROPPI!

Ducensessantamila
precari nello Stato?
Mo’ je dicheno: “Fila,
sei mezzo sderenato,
eppoi nun ciò quatrini.”
Guverno d’assassini!
LICENZIAMO LORO!


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento