2 Ott 12

Il romanesco di Pasquinotto critica Monti, “severo co li poveracci”, ma sempre pronto a sedersi al tavolo con banche e ricchi imprenditori. “Che zozzo mestiere!”, chiosa Pasquinotto.

L’AVEMO CAPITO!

Ar Monti, severo
co li poveracci,
nun je pare vero
de fa l’affaracci
der vecchio potere.
Che zozzo mestiere!
SARVA RICCHI,
CASTE CRICCHE


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento