11 Set 12

La paqsuinata di oggi è stata composta in onore del 221esimo compleanno del poeta romani Giuseppe Gioachino Belli, celebrato dai ragazzi del Teatro Valle occupato, con tanto di flash mob. La pasquinata, firmata Chi Occupa Se Preoccupa, è stata affissa sulla nuova bacheca accanto alla statua che i ragazzi del Valle hanno voluto realizzare per l’occasione.

I versi romaneschi di questo componimento sono un omaggio bellissimo alla forza dell’arte come arma contro chi ritiene che pure “li penzieri so’ peccati”.

BELLI DE ROMA

Ar Valle, ciaritrovi l’occupanti,
zitelli, pupe, gente de valore:
nun vonno fa l’eroi, manco li Santi,
ma ridà – questo sì – gioia, colore,
una gestione più partecipata
a ‘sto teatro, pe ‘na nova vita.

A settembre, che fanno ‘sti fanelli?
Tireno fora quella voce vera,
granne, bella de Roma, che fu Belli,
facenno vede come la curtura
la storia de l’affari, de l’artari
abbi radici tutte popolari.

L’arte, come la vita, nun perdona
chi vo’ fregà la gente dar sedione,
chi ciannisconne tutto, chi cojona,
chi co la scusa de la divozzione
abbrucia libbri, streghe, puro frati,
pe via che “li penzieri so’ peccati”.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento