24 Apr 12

Sono firmati da Nun Ce Sto questi versi romaneschi che narrano la vicenda dei migranti rimpatriati tramite un volo di linea e imbavagliati durante il viaggio. Lo sdegno del pasquinante si sposta presto dalla vicenda di cronaca alla rabbia verso i governanti.

VOLO I – TUNISIA

Migranti, imbavajati
da certi pulizziotti,
li diritti violati…
Come l’avete rotti…!
Li cari governanti,
nun so’ così distanti…
TORTURENO ER LAVORO


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento