6 Apr 12

Torna il Grillo Parlante e dimostra di essere sempre in forma smagliante, con i versi romaneschi di una pasquinata splendida, che riassume la situazione all’interno dell’amministrazione Alemanno: ciò che (non) è stato fatto (“Puro si sballo tutto cor passivo, / je dico che co Roma Capitale, / tutto va bene, tutto j’è legale!”), i favori ai parenti e lo scandalo parentopoli (“Favori sì, ma pe li su’ parenti, / li fascisti co l’animaccia nera, / forzitajoti, troie, mardicenti, / quattr’avanzi, se sa, d’acquasantiera”) e le previsioni fosche per il futuro di questa gente (“Si scenni tra la gente, sinnicaccio, / poi vede, poi sentì che vento tira”).

Non perdetevi questo pezzo autentico di spirito del Pasquino.

L’AMMINESTRAZZIONE

Mezzi padroni so, mezzi padrini
(tanti nun vonno vede, ma lo sanno)
che ner Comune, co quer Gasperini
comanna (ma pe quanto?) l’AleDanno
che da Bari ce venne, cor tortore,
facenno puro, qua, da menatore.

Spinto da Tredicine, tassinari,
strillanno che Roma nun è sicura,
proteggendo, se sa, li bottegari,
creanno ne li vecchi la pavura
e dicenno de fa mille favori,
à pijato p’er culo l’elettori.

Favori sì, ma pe li su’ parenti,
li fascisti co l’animaccia nera,
forzitajoti, troie, mardicenti,
quattr’avanzi, se sa, d’acquasantiera
piazzati dentro quarche Società,
che cianno sfraggellato ‘sta Città.

L’amichi sua fa tutti dirigenti,
penzanno: “Der potere nun me privo
e l’elettori mia so più pazzienti…
Puro si sballo tutto cor passivo,
je dico che co Roma Capitale,
tutto va bene, tutto j’è legale!”

Ma nun j’abbasta, vole venne tutto,
acqua, servizzi, l’aria, la curtura,
dicenno puro che je pare brutto,
guasi come ‘no scherzo de natura
che der Valle (chi ce se riccapezza?)
li cittadini vonno la sarvezza…

Er Gianni no, la voja de fa vede
che lui comanna puro sur sipario,
lo fa zompà de botto sur treppiede
co la raggione sua dell’incontrario:
“Vojo finilla co l’occupazzione
e nominaje già la direzzione!”

Si scenni tra la gente, sinnicaccio,
poi vede, poi sentì che vento tira,
‘ndove che li discorsi da pajaccio
nun fann’arzà nimmanco mezza lira
pe via che mo la gente s’è stufata
e nun te regge più la carognata.

Favori sì, ma pe li su’ parenti,
li fascisti co l’animaccia nera,
forzitajoti, troie, mardicenti,
quattr’avanzi, se sa, d’acquasantiera


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento