4 Mar 12

Il romanesco di Uno Che Nun Ce Sta commenta con questa lunga pasquinata le proteste per la realizzazione della TAV in Val di Susa, chiamata “l’Alta Velocità de li partiti” che ingrassa le cricche.

TUNNELacci loro

L’Arta Velocità de li partiti
sta solo ner fregà li poveracci,
e co li sordi che so’ già finiti
ce manneno deggià tutti pe stracci
pe fa la ferovia de la Val Susa,
che pe cent’anni chiederanno scusa.

Ingrasseno le cricche, fanno pena
pe via che, si comanna la finanza,
nisconneno la testa ‘nde la rena,
senza penzà se gratteno la panza
e co li professori nominati
fanno prima crepà li penzionati.

“Fermamo la violenza!” Proprio loro
che sempiterno fanno prepotenze
a chi nun cià li Santi, cor lavoro
che pe trovallo nun ce so’ speranze
si nun sei fijo de ‘n omo de potere
o nun la molli a quer Cavajere.

E puro l’aria, l’acqua, la curtura
vonno privatizzà pe cazzi loro
contro tutte le leggi de natura.
Alora, intonamoje ‘sto coro:
“Contro chi nun tié l’arte, ni la scenza
der bon governo, famo RESISTENZA!”


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento