11 Feb 12

In piena seconda ondata di neve a Roma, Uno Che Nun Ce Sta compone questi versi amari e divertenti per criticare la gestione della “crisi climatica” da parte del sindaco: niente sale per le strade, ma pale e olio di gomito per tutti. Mentre lui pssa il tempo tra un programma televisivo e un altro, a fare il gioco dello scaricabarile con la Protezione Civile. Il tempo per occuparsi di coloro che occupano il Teatro Valle però c’è sempre, perchè “Già so tanti li casini / e questi troppo rompeno le palle!”

ROMAGGHIACCIATA

Er sale? Gianni l’à tutto fregato
p’arifornì de novo la capoccia,
pe via che co la neve, s’è scordato
de legge l’istruzzioni: mo se scoccia,
soffia, smadonna, chiama li parenti
pe nun sentì de Roma l’accidenti.

Un cuggino je fa: “Manca der sale
pe scioje ‘r ghiaccio? Bono, nun fa gnente:
te venno quattrocentomila pale
da mette tra le mano de la gente
pe fà spalà la neve. L’adunata
mo l’arifamo, co ‘sta nevicata!”

L’anima nera, co la pala rossa
Gianni fa vede de spalà la neve
epperò – lo sapemo – fa la mossa
pe via che, doppo, que la foto deve
falla girà fra tutti li rioni
che tra ‘n anno rifanno l’elezzioni.

Eppoi chiama de corsa l’Angelino:
“Co Guido Bertolaso, certamente
nun me s’armava tutto ‘sto casino…
Alora, ma la vojo tutt’urgente,
dev’esse fatta mo ‘na Commissione
pe famme mijorà la Protezzione”.

La protezzione, se capisce, vole
pe sé, li camerati, li parenti,
che cianno dato già tremila sole
ma – tutto je poi dà – nun so contenti
e li romani veri, poveracci,
li manneno deggià tutti pe stracci.

Ma nun jabbasta mai: co Gasperini
vole fa caccià via quelli der Valle,
pe via che: “Già so tanti li casini
e questi troppo rompeno le palle!”
Accusì, co quer ghigno da paura,
je fa: “Mo mazzolamo la curtura!”

“Co ‘sto Guverno de li professori
‘ndove che regna Sant’Economia,
je devi fa capì che so dolori
pagà pe la custodia: vada via
co quer custode che nun fa più gnente,
puro dar Valle, tutta l’antra gente!”

“Accusì, risorvemo li probbremi
der potere a tutti li livelli
e nun ce pijeranno più pe scemi
‘sti quattro disgrazziati de pischelli,
pe via che co l’inciuci programmati,
FARI DE LIBBERTA’? VANNO SMORZATI!”


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento