12 Gen 12

Con Uno Che Nun Ce Sta torniamo a far parlare il Pasquino in romanesco, sui temi della cronaca cittadina e della politica del sindaco di Roma. Qui i versi del pasquinante riassumono i temi degli ultimi giorni: dalle misure non attuate per proibire l’uso indiscriminato del suolo pubblico da parte dei ristoratori durante le feste, alla mancata proibizione dei botti di Capodanno.

NUN ME CIADATTO

AleDanno,’n’antra vorta
ce fa vede quant’è saggio:
si la gente s’arivorta
contr’ar tavolo servaggio,
lui nun sente, lui nun vede,
solo all’osti lui vò crede.

Nun abbasta: lui, li botti
nun li vò propio proibbì;
Gianni caro, te ce scotti,
che ‘sta scerta fa morì
ucelletti, gatti, cani…
Sì, ma puro li cristiani

Nominato co l’ajuto
de tassisti, Tredicine,
a la fine s’è seduto
pe via che vede la fine
der guverno de monnezza
de l’amichi sua: che strizza…


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento