4 Nov 11

Ancora romanesco, questa settimana: i versi di oggi sono de L’Anti-Onto, che prende sonoramente in giro il sottosegretario ai Beni Culturali Giro (scusate il gioco di parole), il quale ha recentemente definito il Teatro Valle occupato “un centro sociale a cinque stelle”. L’ennesima uscita del “sottotutto curturale” (come lo chiama l’autore della pasquinata), che cerca costantemente visibilità da molti mesi a questa parte.

GIRO, GIRATE, PIANTALA!

Si Giro, sottotutto curturale,
mo vole minaccià quelli der Valle,
‘stavorta pare che je dice male
pe via che si ce gireno le palle,
pol’esse che de botto je se dice
de piantalla de fa l’ajuto-duce.

Si nun abbasta, co la su’ natura
fatta de sola cacca-prepotenza,
je famo visità la sepportura
de Sirvio, co la su’ Santa Patonza,
pe vedé – pare bona l’occasione –
come sarà que l’inagurazzione.

Accusì, si là smorza quarche luce
Giro tutto contento, s’aritrova
a dì che co lo scuro, te connuce
a vede na smiracolata nova,
epperò cià stampata su la faccia
la voja de contà quarche fregnaccia.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento