3 Nov 11

La firma di oggi è quella di Uno che nun ce sta, che ci parla della storia tutta romana del progetto (pensato da Cutrufo) di installare alcuni vespasiani hi-tech a pagamento nel centro della Capitale.

CUTRUFANNO SEMPRE DANNO

Deggià s’era sentito sor Cutrufo
co la storiaccia de li cessi novi,
e l’AleDanno (none p’esse gufo)
pare che mo davero ciariprovi
battenno puro, penza, la grancassa
a fa pagà, si pisci, n’antra tassa.

Li vespasiani cianno demolito,
la merda l’aritrovi ‘nder guverno,
Bossi sraggiona solo co quer dito,
‘no gnomo vole fa da padreterno,
tajeno sanità, scola, penzioni?
Nun è che so pe strada, li zozzoni…

Come pe le mignotte: quelle vere
se troveno pe strada? Nun è vero,
l’ai da cercà ner bujo der potere
(co quer colore sempiterno nero)
taroccate che so tutte de moda,
ma co de paja que la lunga coda.

Accusi, ner Comune nun so boni
a facce vede come se minestra:
parleno de fa mette li lampioni,
e ce sta Gianni, da que la finestra,
che strilla: “Le finanze v’arisano
co ‘sta gabbella pe San Vespasiano!”


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento