1 Nov 11

Ennesima serie di crolli di muri tra le rovine di Pompei: se ne lamenta anche Pasquino, attraverso i versi romaneschi di Pasquinotto, che ci ricordano che è impossibile aspettarsi politiche di salvaguardia dei beni culturali da parte dello stesso governo che dichiarò che “con la cultura non si mangia”.

CRICCAZZIONE

La manovra curturale
de ‘sti guasi semi-dei
ciarià mannat’a male
‘n antro pezzo de Pompei.
Er guverno B. micragna,
fa: “Co l’arte, nun se magna!”


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento