17 Nov 11

La lunga pasquinata di oggi è stata composta da L’Anti-Onto in quel del Teatro Valle occupato, durante la proiezione del film Banditi a Milano. I versi romaneschi passano dai banditi milanesi di Volonté a quelli “romani” dei palazzi del potere, istituendo un continuum nella storia repubblicana, tra i tempi della DC e quelli di “Sirvio-reggio”, che ha fatto il passo successivo, addormentando menti e coscienze a forza di TV, tette e culi.

BANDITI (NON SOLO) A MILANO

Due novembre: li banniti,
da lo schermo qua, der Valle,
già se sa che so finiti
co le su’ facciacce gialle
ne le stanze der Guverno
co lo gnomo-padreterno.

Da Palermo, su Milano
arivorno li quatrini,
pe via che – te pare strano? –
quarche banna d’assassini
strillò che: “Nun so casini
si ricicli su Rasini!”

Accusì,’sti dilinguenti,
co li sordi der delitto
se so fatti più potenti
a la faccia der diritto
e l’Itaja tutta sana
l’anno resa più puttana.

Ma nun basta: quer potere
fatto de zozze pretese,
arivò cor Cavajere
a rifà nove l’intese
pe fa ‘n popolo cojone
co la su’ televisione.

Com’ar tempo de la peggio
DiCcì (Scelba, curturame…)
ariviè, cor Sirvio-reggio
– comannare, que l’infame
dritta der “Tu, guarda qua,
che nun devi più penzà!”

Co trent’anni de ‘sta storia
anno reso più cojoni
(azzeranno la memoria,
distruggenno li neuroni)
l’itajani: senz’angosce
cianno tette, culi, cosce…

Epperò, co ‘sta storiaccia
de ciarvelli sderenati,
Sirvio cià perso la faccia,
semo tanti straincazzati,
e noantri lo strillamo
quann’er Valle l’occupamo.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento