25 Ott 11

Incisivi e ottimi i versi odierni di Pasquinotto, che nel suo consueto romanesco perfetto mette in guardia la gente del Teatro Valle occupato dal non fidarsi delle promesse della Giunta romana, braccio locale del governo di ignoranti che regge il paese.

FAMO A (NUN) FIDASSE

Pe fa mejo la minestra
senza li BerlusKasini,
nun ce mette troppa destra,
nun condì co Gasperini
e (ma tutti già lo sanno)
nun fidatte d’AleDanno.

Er Teatro va gestito
da chi penza, da l’autori,
da chi recita… Quer dito
de bossiani, coruttori
co la cricca, la tangente,
nun lo vo’ la Valle-gente!


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento