31 Ott 11

A scriverci per mandarci questa lunga pasquinata è oggi Danilo Ilari, che commenta l’incredibile, immensa fila formatasi davanti al nuovo punto vendita Trony di Roma nord qualche giorno fa: una fila che ha bloccato il traffico di un intero quadrante della città e che è una perfetta cronaca di fine impero.

A Danilo facciamo i nostri complimenti per questi versi perfetti, divertenti e amari.

ERA MEGLIO CO’ VEL…TRONY?

Stamattina, so’ sincero
me so’ letto er Messaggero
pè cerca senza malizia
de sapè quarche notizia.

Vedo tutti titoloni
ma nun so’ pe l’alluvioni
e nemmanco so’ pe’ Silvio
ma pe’ Trony a Ponte Milvio.

“Cinquemila metri quadri,
accorrete figli e padri
su venite alla scoperta,
c’è l’Iphone che sta in offerta
e se porti pure er nonno,
c’è pe lui lo scarda sonno.”

Io pensavo all’affluenza,
ma così è ‘n indecenza;
ogni incrocio ‘na pattuglia,
manco fosse ‘na battaglia
tutti in machina bloccati
(tanto semo abituati).

‘N so sicuro ma ho sentito
d’una che c’ha partorito,
e pensà che a Corso Francia
nun c’aveva manco ‘a pancia!

Certi artri, mica scemi
so venuti in barca a remi.
Bhè Pallotta me lo disse,
quì sarà l’Apocalisse,
stamo sullo stesso piano
de l’arrivo de Adriano!

Li’ purtroppo c’ho l’ufficio
pensa te che sacrificio!
Tangenziale già ar collasso
mo sto qui, ‘n do cazzo passo!

Quanno ho visto er muro torto,
m’è pijato lo sconforto,
m’è venuto poi d’istinto,
de ‘mboccà pe Tor di Quinto.

Forse pe evità er ritardo,
era meglio er San Gottardo
o se no, nun c’ho pensato,
‘n elicottero privato.

Alla fine poi ho chiamato:
“famo finta ch’ho bucato!”
Dato che a giornata è andata,
m’è venuta na pensata.

Voglio avè a soddisfazione
de parlà co ste persone.
“Scusa ‘n po’ se me permetto,
n’era meglio statte a letto?

L’apriscatole a corrente,
era proprio così urgente?”
Lui che già c’ha le madonne,
‘mpo incazzato me risponne:
“Stongo qui da venti ore,
pe accà u televisore!

Lo regalo a mi nipote,
se lu porta come dote
stevo qui e n’ho approfittatu
pure se n’è ancora natu!”

N’artro dentro ar sacco a pelo,
(si va bè stendiamo un velo):
“Sai mi moglie m’ha cacciato,
è così che m’ha ‘nvogliato.

Dormo qui da fine agosto,
visto che c’è er sottocosto.
Me serviva er cellulare,
che così ce parlo ar mare.

Si lo so ce n’ho già quattro,
ma è la moda, questo er fatto!”
C’era uno de Pechino,
che sfogliava er volantino
che m’ha detto: “Ciao signole,
tu conosci un tladuttole?”

E venendo dalla Cina,
me conviene de benzina?”
Na signora tutta in tiro
fa co’ l’urtimo respiro:
“Io me piego e nun me spezzo,
voglio tutto a metà prezzo”

poi me dice: “amico caro,
n’ te vergogni, tu sei avaro!
Mo te svelo un retroscena,
sai de buffi già so piena
ma so pronta a fa er bordello
pe vedè er Grande Fratello.”

Tra le spinte e la caciara,
sento uno che dichiara:
“me so fatto mari e monti
per venì a vedè li sconti;

C’è perfino nei paraggi,
la befana coi Re Magi”.
Pensa come stamo messi,
basta poco, semo fessi.

Quanto a me, io v’ho avvertito,
chi governa l’ha capito:
se vai in cassa integrazione
o te lavano a pensione
dice: non ve procupate!
Tanto poi se paga a rate.

E nun serve che t’affanni,
paghi poco… pe’ trent’anni,
ma voi mette quale onore
che c’hai er videoproiettore!

Si va bè sarò banale
dico solo nel finale:
io er motto lo conosco,
e da lui non mi discosto.

Resto carmo e nun protesto
famme aggiunge armeno questo:
non ci sono paragoni,
quanto hai rotto li cojoni!


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento