3 Ott 11

Pasquinotto sfoga il suo malcontento verso la politica e la sua casta, inneggiando agli artisti che occupano il Teatro Valle in Roma: un afflato di libertà e cultura da cui ripartire.

DAMME RETTA!

La voja de levasse da le palle
le zozzerie de ‘sto porno-guverno,
m’arifà dì: “Viva quelli der Valle
e che le cricche vadino a l’inferno!”


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento