1 Set 11

Torna Pasquinotto, con un tema legato al mondo della cultura e del teatro di Roma, ma chiaro sintomo dei tempi che corrono: l’occupazione del Valle e le ultime uscite firmate Giro e Gasperini. La conclusione alla fine è la stessa (da decenni): meno sanno, più è facile abbindolarli a suon di TV e sottocultura.

LA CURTURA FA PAURA

Accusì, si senti Giro,
nano sottocurturale
che se trucca da vampiro
e raggiona puro male,
co la VALLOCCUPAZZIONE
se fa solo confusione.

Je fa l’eco Gasperini:
“Bravo! Noi co l’AleDanno
nun volemo ‘sti casini
pe via che – si troppi sanno –
doppo, chi le vede più
der Reggime, le TV?”

P.S. “Ma si state zitti, boni,
cari sudditi romani,
mo ve damo li lampioni,
e de coccio 7 nani
– penza tu quanto so belli –
pe la Villa Caffarelli”.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento