5 Set 11

E’ Poro Cristo a firmare la splendida pasquinata di oggi, una vera poesia in romanesco, dal tono rassegnato ma non per questo priva di una certa amara comicità, così tipica della tradizione delle rime capitoline. La pasquinata è un ritratto dell’Italia di oggi, dei suoi governanti e governati. Imperdibile!

ANNO 00

Si le saccocce nostre
ce l’anno massacrate,
mo vonno fa le mostre
delle loro cazzate
studiate cor Caimano
(e noantri pagamo).

Noantri lavoramo
o semo penzionati,
ma più nun je la famo…
Troppi disoccupati
e li gioveni se sa
che nun s’anno da sposà.

Quelli, li “paperoni”
(quanti so’ l’evasori?)
so’ sempre più ricconi:
barche, case, tesori…
(Tanti so’ ricercati,
ma cianno l’avvocati)

Er più peggio de loro
cià la mejo portrona,
se sente l’omo-toro
(ma come je funziona?)
nissuno più lo regge,
vo’ vive senza legge.

Vole sudditi scemi,
odia li cittadini,
si lo vedi, nun tremi:
se crede Mussolini
ma corto de natura
nun fa propio pavura.

Li vizzi li tiè tutti?
Fa finta d’esse bono,
dà quatrini, presciutti
ar prete, p’er perdono
che je viè sempre dato
(tanto, paga lo Stato).

Se sente padreterno
ma conzurta ‘na maga,
d’estate e d’inverno
si vo’ le donne, paga…
Me pare l’omo nero
d’un anno zero-zero.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento