1 Ago 11

Pasquinotto, come sempre, non le manda a dire: e da buon romano le canta come sa far lui, in romanesco. Stavolta si scaglia contro la pantomima ridicola delle “dependance” di Ministeri spostate a Monza. E fa giustamente notare come – mentre si accusa “Roma ladrona”, si spostano istituzioni a nord per far mangiare i “virtuosi” leghisti anche in sede.

E NOI PAGAMO…

E si Bossi – semo seri –
porta mo ne la Brianza
‘sti 3 – 4 Ministeri,
è pe fa cresce la panza
a la Lega. So’ ladroni
loro, none li romani.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento