2 Lug 11

Varata la nuova manovra finanziaria, scopriamo che il grosso dei sacrifici saranno da compiere dopo il 2013, ossia quando – probabilmente – il governo sarà cambiato dopo le nuove elezioni. Lo fa notare anche Pasquinotto, che con le sue azzeccatissime rime romanesche ci mette anche un pizzico di umorismo “pasquinaro”.

COME?

Pe la festa de S. Pietro
pare che fanno li sconti.
Pe parasse er su’ didietro
Sirvio fa: “caro Tremonti,
taja poco, fa li piani
pe poi fa pagà Bersani”.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento