13 Giu 11

Pubblichiamo con qualche giorno di ritardo la pasquinata di Pasquinotto sul nuovo presidente della Corte Costituzionale, Alfonso Quaranta, il quale – nonostante fosse ritenuto benvisto dal centrodestra – si è ritrovato a doversi pronunciare sull’ammissione del quesito referendario sul nucleare e ha dato parere positivo circa il suo mantenimento.

I divertenti versi romaneschi di Pasquinotto sono tutti incentrati sulla immaginabile reazione di Mr. B.

NOVO PRESIDENTE

Si sperava che la Corte
je facesse quer favore,
sor Berlusca cianche corte
aricasca ner terore
quanno vede che Quaranta
si lo sente nun s’incanta.


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento