29 Giu 11

“Finalmente” arriviamo ai commenti dei nostri pasquinanti sul fatto della settimana, forse del mese: l’inchiesta sul lobbysta-faccendiere-pidduista-tuttofare Bisignani. Riceviamo questi versi romaneschi da qualcuno che preferisce firmarsi semplicemente “Uno che nun ce sta”.

La pasquinata è semplicemente perfetta, con un esordio tanto tagliente quanto divertente, che vi lascio scoprire da soli.

FACCENNE P2

A Roma, pare che manco li cani
se ponno ripulì de ciccia ‘n osso
si nun je dà l’occhei sor Bisignani
che gira cor cartello “TUTTO POSSO”
mentre che fa sapé che so fresconi
deputati, ministri, Berlusconi…

Er guverno de prescia s’ariunisce
pe via che lo zio Letta, sì, sor Gianni
pare che finarmente te capisce
d’aveje fatto fa tremila danni…
Alora, pija, strilla: ”Nun me sbajo,
bigna fa ‘sto decreto der bavajo!”

“Co la mordacchia pe li giornalisti,
puro Scajola te po sta tranquillo
e nun ce stanno più Santi né Cristi,
Berlusca s’arifiata, tutt’arzillo
manna n’antra cassetta reggistrata
sparanno la millesima cazzata.”

“Puro la Rete noi je l’attoppamo,
pe via che Fede, Vespa, Minzolini
(co li Servizzi, mejo ce la famo)
arigalano li computerini
‘ndove che chi vò fa quarche protesta
arisica che je famo la festa.”


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento