26 Apr 11

Ci vogliono i versi romaneschi e sempre chiari (come solo il dialetto sa essere) di Pasquinotto per riassumere precisamente e senza giri di parole la situazione che si è venuta a creare, con un governo che mette da parte i piani tanto sbandierati sul nucleare per salvare il sedere del capo dal quesito referendario di giugno.

LA FREGATURA

Le ranocchie der compare
vonno fa ‘n’antra furbata:
“Co la strizza nucreare.
dimo che viè rimannata
quarzivoja dicisione
su que l’atomo frescone.”

“Accusì, smorzamo puro
quella voja maledetta
de nun fa tigne d’azzuro
tutto, tutti… Damme retta,
co ‘sta storia, cosa bona,
Sirvio sarva la portrona.”

“L’elettore deve crede
che nun famo più centrali…
Minzolini, Vespa, Fede,
Radio Londra, li giornali
Je diranno: ”NUN VOTAMO,
TUTTI AR MARE SE N’ANNAMO!”


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento