8 Mar 11

L’ennesimo attacco sconsiderato di Berlusconi, questa volta alla scuola pubblica, è il tema di questa eccezionale pasquinata in versi romaneschi, firmata ovviamente Pasquinotto. Protagonisti dei versi sono la “sora Gelmini” (“Minestra de la Malora de l’Addistruzzione”), che invita i giovani a farsi istruire dal Grande Fratello, piuttosto che dai professori; e un accorato e davvero commovente appello a riempire le piazze.

L’ADDISTRUZZIONE PUBBRICA

Si sor Berlusca (re de la frescaccia
che da tant’anni sempiterno spara)
strillanno co que l’aria de bojaccia
e co la voja sua burattinara
ce vole macellà puro la scola,
chi j’arigala mo ‘na musarola?

Dar viale de Trestevere, Minestra
de la Malora de l’Addistruzzione,
sora Gelmini dice: ”Ciammaestra
a tutti mejo, la televisione
eppoi noi preferimo quer ciarvello
indormentito dar Granne Fratello!”

Fanelli cari, pupe tutte fate,
volete vive mejo, alla bonora?
Alora, ne le piazze ciariannate
cantanno che la vita se colora
no quanno che se dice “sissignore”,
ma solo si va via quer vennitore?


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento