16 Mar 11

Tornano i versi romaneschi di Pasquinotto che, di fronte alle immagini di un Gheddafi oramai messo alle strette e persino quasi scomparso dai media, ci ricorda di quando “quer cunijo” baciò “le mano, co’ l’inchini” ad un dittatore di tale risma.

CUNIJERIE

Gheddafi, che s’arota li canini
sur cranio de li libbici mijori,
se fa bacià le mano, co l’inchini,
da quelo che da noi vole l’onori.
Ma come fa quer coso, quer cunijo,
a restà presidente der Conzijo?


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento