17 Mar 11

Anche oggi torna Pasquinotto e l’occasione è buona per dei versi sull’agire di un premier che oramai è costretto a far danni a destra e sinistra, qualunque cosa faccia, per la sola ragione di proteggere le sue azioni: una sorta di effetto “azione-reazione” senza fine che sembra persino ancora lungi dal terminare.

CAIMANDANNO

Da quanno che Berlusca te comanna,
so sempre troppi quelli che ce stanno:
a la malora lui tutti ce manna
pe’ via che come s’aggita, fa danno.
BASTA!


Categoria: Romanesche in versi

Trackback Uri



Lascia un commento